Finanziamento riuscito! Questo progetto ha raggiunto il suo obiettivo (campagna terminata il 05/11/2015).

Il progetto

Il progetto di ricerca

”Invecchiare non è una malattia: sembra un’ovvietà, ma riaffermare questo concetto è importante. Ci sono i malati, certo, ma c’è anche una gran parte degli anziani che vive in condizione di normalità. È questa normalità che dobbiamo cercare di difendere”. (Marco Trabucchi)

L’età media in Italia e in Europa sta aumentando, con uno sbilanciamento demografico a favore della fascia degli anziani. Questo significa per esempio che nel 2060 si avrà un aumento del 30% della popolazione di ultra 65enni con contemporanea riduzione della popolazione in età lavorativa e un aumento progressivo della fascia di individui anziani.

Rimanere in forma nella mente e nel corpo è fondamentale per mantenere una buona qualità di vita anche nell’età avanzata. L’invecchiamento della popolazione ha fatto aumentare i casi di malattie ad esso associate come per esempio le forme di demenza tra cui la malattia di Alzheimer, ma non solo.

Il nostro progetto vuole portare un modello innovativo nello studio dell’invecchiamento. Abbiamo intrapreso un percorso avendo come obiettivo quello di studiare, insieme agli anziani, gli aspetti della salute mentale e fisica, con l’intento di determinare sia le strategie per il mantenimento della salute che gli elementi per predire il decadimento cognitivo e fisico legati all’invecchiamento.

Il nostro team comprende ricercatori dell’Università di Pavia e della Fondazione Golgi Cenci di Abbiategrasso. L’innovatività della nostra ricerca è basata sul coinvolgimento degli anziani facendo leva sulla loro motivazione a collaborare alla ricerca stessa. La connotazione territoriale del progetto, iniziato dalla Fondazione Golgi Cenci, prevede che partecipino allo studio tutti gli anziani residenti in Abbiategrasso e nati tra il 1935 e il 1939 (Studio InVeCeAb) e ad oggi sono state coinvolte più di 1000 persone. Le stiamo seguendo da cinque anni, richiamandole periodicamente per registrare i cambiamenti occorsi. Di loro conosciamo gli stili di vita e il contesto sociale in cui sono inseriti, le condizioni di salute fisica e psichica. Queste persone hanno inoltre acconsentito a lasciarci un campione di sangue per l’estrazione del DNA . Tutte queste informazioni costituiscono un prezioso archivio a cui attingere per dedurre informazioni utili alla popolazione in studio, ma estendibili anche alla popolazione anziana in generale. Questo studio sta producendo e ha già prodotto importanti risultati pubblicati in riviste internazionali. Il nostro progetto quindi affronta temi fondamentali come lo studio delle funzioni mentali nell’invecchiamento, delle modificazioni anatomiche, fisiopatologiche e biochimiche nei soggetti anziani e nei malati di demenza, comparandole con l’invecchiamento di persone cognitivamente non compromesse ed infine anche lo studio delle basi genetiche che portano al rischio di sviluppare un decadimento fisico e mentale.

La nostra ricerca vuole rispondere ad alcune domande, molte delle quali con risvolto sociale significativo che non sarebbe possibile senza l’adozione del nostro modello di studio partecipativo:

– La biologia e la genetica possono permettere di individuare dei “marcatori” che costituiscono dei veri e propri rischi per lo sviluppo di patologie legate all’invecchiamento come la demenza? È possibile individuare questi soggetti e distinguerli da chi invecchia normalmente?

– Qual è la diffusione dei disturbi cognitivi e della demenza e quale influenza hanno sulla comparsa della demenza i fattori legati alla storia degli individui e delle popolazioni? Per esempio c’è un ruolo del genere (maschi-femmine), c’è un ruolo della scolarità, dell’attività lavorativa svolta o delle abitudini sociali, relazionali e alimentari?. Gli eventi stressanti della vita hanno un ruolo nella comparsa dei disturbi cognitivi?

– Si può verificare che nell’anziano siano adottate le appropriate terapie farmacologiche e che non ci sia un rischio a causa di mancata appropriatezza prescrittiva o di informazioni inadatte?

Una risposta anche parziale a queste domande permetterà di attuare dei programmi di prevenzione rivolti alla popolazione a rischio e di contribuire al benessere fisico e mentale della popolazione anziana e riteniamo che il modello da noi adottato possa essere, a fronte di una continua e intensa evoluzione della ricerca, esteso ad altre realtà territoriali e diffuso come modello primario per gli studi PER gli anziani

premio ita

 


LINK

http://www.golgicenci.it/
http://www.alzheimer.it/
http://cheba.unsw.edu.au/content/cosmic-studies
https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT01345110?term=abbiategrasso&rank=1
https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT01793493?term=abbiategrasso&rank=3

Inserisci l'importo della donazione

Dona
  • Donazione Minima

  • Per donazioni superiori a 200€: citazione nominale nei ringraziamenti in tutti i lavori scientifici derivanti dal progetto.

  • Per donazioni da 50€ in dono un braccialetto ricordo della campagna universitiamo

Obiettivi

Purtroppo al di là delle competenze del nostro team non sono molti i ricercatori disposti a investire la propria carriera in un campo di ricerca come gli studi sull'invecchiamento.

Per questo è necessario formare e coinvolgere nel team giovani ricercatori assicurando loro una borsa di studio.

Il finanziamento sarà destinato a sostenere l'attività di un giovane ricercatore a inizio carriera con un impegno finanziario destinato alla copertura di una borsa di studio.

Sostieni il nostro impegno in questa attività di ricerca PER gli anziani e CON gli anziani.

Dona anche tu e con la tua donazione adotterai un ricercatore!

Ci siamo dati tre obiettivi ad impatto crescente:

Target iniziale: 30.000€

Un anno di borsa di studio

Target intermedio: 60.000€

Due anni di borsa di studio

Target finale: 90.000€

Tre anni di borsa di studio

Video

Galleria media

Riconoscimenti

Per donazioni superiori a 200€

Citazione nominale nei ringraziamenti in tutti i lavori scientifici derivanti dal progetto.

Team

Visualizza CV

Racchi Marco

Prof. | Capo progetto

Racchi Marco

Prof. | Capo progetto
Professore Associato di Farmacologia CV RACCHI
Visualizza CV

Antonio Guaita

Prof.

Antonio Guaita

Prof.
Direttore della Fondazione Golgi Cenci CV GUAITA
Visualizza CV

Cristina Lanni

Prof.

Cristina Lanni

Prof.
Professore Associato di Farmacologia CV LANNI
Visualizza CV

Letizia Polito

Dott.

Letizia Polito

Dott.
Responsabile del Laboratorio di Biologia Molecolare della Fondazione Golgi Cenci CV POLITO
Visualizza CV

Antonella Pinto

PhD

Antonella Pinto

PhD
PhD Student in Scienze Biomolecolari e Biotecnologie presso il Dipartimento di Scienze del Farmaco dell’Università di Pavia CV PINTO
Visualizza CV

Roberta Vaccaro

Dott.

Roberta Vaccaro

Dott.
Neuropsicologa, Responsabile del Laboratorio di Neuropsicologia della Fondazione Golgi Cenci CV VACCARO
Visualizza CV

Melania M. Serafini

PhD

Melania M. Serafini

PhD
PhD Student in Scienze Biomolecolari e Biotecnologie presso il Dipartimento di Scienze del Farmaco dell’Università di Pavia CV SERAFINI

Donatori

  1. Fondazione Zoè Zoè
  2. Anonimo
  3. Anonimo
  4. Anonimo
  5. Anonimo
  6. Anonimo
  7. Anonimo
  8. Anonimo
  9. Anonimo
  10. Anonimo
  11. Catherine Humblet
  12. Davide Augusto Sacchi Zoè
  13. Munari Laura Zoè
  14. Cesaretti Katya Zoè
  15. Grunenthal Zoè
  16. Anonimo
  17. Magenta Zoè
  18. Anonimo
  19. Microna Srl Zoè
  20. Anonimo
  21. Stefano Govoni
  22. Farmacia DI NAPOLI DI NAPOLI Dott.ssa ANTONIETTA
  23. Scatola Dario Giuseppe Cesare Zoè
  24. Mark Lively
  25. Massimo Libero Vergnano Zoè
  26. Silvana Lonetti Zoè
  27. Anonimo
  28. Anonimo
  29. Anonimo
  30. Tarantola Giovanni Strada Paola Maria
  31. Mecvel srl Zoè
  32. Orellana Luis Alberto Zoè
  33. Anonimo
  34. Anonimo
  35. Tomaso Corsini
  36. Giuseppe Cantore
  37. Anonimo
  38. Ivana Trentini
  39. Helene Calogeropoulou
  40. Anonimo
  41. Yakult Italia srl Zoè
  42. Anonimo
  43. M.-M. Media Services srl Zoè
  44. Pintotecno srl Zoè
  45. ANNA PINTO
  46. Luigia Favalli Zoè
  47. Farmacia di Robecco Dott Verga Zoè
  48. Ememe
  49. ABOCA spa Società Agricola
  50. Anonimo
  51. Anonimo
  52. Anonimo
  53. Anonimo
  54. Elisa Munari Zoè
  55. Irene Perazzoli e Serafini Andrea
  56. Andrea Serafini Zoè
  57. Margherita Villa Zoè
  58. Nicoletta Colombo Zoè
  59. CMC di Cipolla Giuseppe srl Zoè
  60. Adele Lucchelli
  61. Giovanni Fenu
  62. Anonimo
  63. Anonimo
  64. Davide Zarlenga
  65. Paola Ianna
  66. Roberto Contarin
  67. loredana lanzoni
  68. Anonimo
  69. Nicoletta Marchesi
  70. Anonimo
  71. Anonimo
  72. Andrea Gabrielli
  73. Anonimo
  74. Stefano Govoni
  75. Caterina Lazzarini
  76. Anonimo
  77. Domenico Pinto
  78. Anonimo
  79. Emanuela Corsini
  80. Anonimo
  81. michele guizzardi
  82. Anonimo
  83. Anonimo
Vedi tutto

Contattaci

Vuoi saperne di più? Contatta il Capo progetto!

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Autorizzo il titolare a trattare e trasferire i miei dati personali, anche all’estero. Leggi la privacy policy.

Questo Campagna è terminato. Non è più possibile creare garanzie.

  • Donazione Minima

  • Per donazioni superiori a 200€: citazione nominale nei ringraziamenti in tutti i lavori scientifici derivanti dal progetto.

  • Per donazioni da 50€ in dono un braccialetto ricordo della campagna universitiamo