Ultime News

La ricerca sì, grazie al crowdfunding

21/12/2016 – Avvenire Milano – L’Università pavese apre una sottoscrizione per finanziare gli…

Pavia: l’economia circolare spiegata da Valerio…

10/01/2017 – l’AltraPagina.it – Il Prossimo 18 gennaio, l’Università di Pavia ospiterà Valerio…

Crowdfunding, due nuovi progetti nel sito

            16/12/2016 La Provincia Pavese – Per leggere l’articolo…

Tre semplici gesti

  • 1Scegli il progetto
  • 2Dai il tuo contributo
  • 3Resta Aggiornato

Trasparenza e chiarezza

Non più donazioni ‘generiche' ad un calderone indistinto dove si perde la reale destinazione del tuo contributo. Qui scegli cosa vuoi sostenere, qui vedi i nomi di chi è direttamente impegnato, puoi ricevere – se vuoi – aggiornamenti sull’avanzamento dei lavori. Ogni progetto specifica chiaramente cosa vuole ottenere con i soldi raccolti: finalmente un contratto chiaro e vincolante con il donatore.

Niente Sprechi

Con la garanzia “tutto o niente”, le donazioni non sono mai sprecate. Infatti, la tua donazione è una semplice ‘promessa’ che diventa effettiva solo se il gruppo di ricerca raggiunge almeno l’80% della somma richiesta, ossia una soglia che permette al progetto di essere effettivamente portato avanti. Se questa soglia non viene raggiunta, la somma viene sbloccata e torna disponibile nel tuo conto.

Sei nel team

Chiunque può chiedere chiarimenti e - soprattutto - offrire suggerimenti per migliorare la ricerche qui raccolte. Il bello è che non dovrai rivolgerti a un anonimo account email per richiedere informazioni, qui sei in diretto contatto con il ricercatore, grazie alla sezione commenti o contattandolo direttamente sulla sua email. Inoltre l’indirizzo email di Universitiamo® è attivo per offrire informazioni ed aiuto.

Riconoscimento, Sempre

Non serve un riconoscimento per chi fa una donazione a sostegno della ricerca, sia essa medica o tecnologica o altro: si tratta di un contributo spontaneo e disinteressato. Ma noi vogliamo farle insieme queste ricerche, vogliamo creare una comunità che si senta ‘davvero’ parte dei progetti che sostiene. Così crediamo sia giusto ci sia un piccolo riconoscimento per chi aiuta progetti meritevoli, sempre.